Raccontare


SPAZIO ALLE STORIE CHE NON SONO STATE RACCONTATE ALTROVE. ALLE PERSONE INCONTRATE E RIMASTE SUL TACCUINO. OPPURE A QUEI PENSIERI CHE MI PASSANO PER LA TESTA VELOCI COME UNA PALLOTTOLA: SE NON LI FERMASSI, LI PERDEREI.

giovedì 30 maggio 2013

Il mondo a SpazioReale. E nella tua città.



Questo è un altro manifesto con il quale vi invitiamo a visitare World Press Photo a SpazioReale. Abbiamo scelto una immagine a colori (vedi la donna sotto) e una in bianco e nero. Le vedrete, in questi giorni, esposte nella vostra città. La donna nella fotografia a colori è una siriana ferita a Idlib: con questa immagine, messa dentro la nostra realtà quotidiana, SpazioReale vuole lanciare un messaggio, dire, cioè, che tutto quello che accade nel mondo ci riguarda. Anche le due donne afgane che cuciono il vestito di cerimonia di una Barbie.

2 commenti:

  1. Mi è piaciuto molto lo sguardo trasversale all'essere umano raggruppato all'interno di questa breve ed intensa mostra. Breve perché la miseria umana e' infinita, ma di un'intensita' giusta che quando esci dopo le prime due boccate d'aria fresca turbolente riesci a depositare le immagini appena viste. Non ne hai rifiuto o negazione oppure incredulità, le aggiungi come una diottria alla lente verso una realtà fin troppo manipolata.
    Lo spazio reale che diventa una nicchia... c'è di che riflettere

    RispondiElimina
  2. Grazie per questo commento, per la precisione della descrizione proposta e per la chiarezza senza mezzi termini. Arricchente l'immagine della diottria. Grazie anche da parte di tutta la squadra di SpazioReale.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.