Raccontare


SPAZIO ALLE STORIE CHE NON SONO STATE RACCONTATE ALTROVE. ALLE PERSONE INCONTRATE E RIMASTE SUL TACCUINO. OPPURE A QUEI PENSIERI CHE MI PASSANO PER LA TESTA VELOCI COME UNA PALLOTTOLA: SE NON LI FERMASSI, LI PERDEREI.

venerdì 11 luglio 2014

Il senso della biro_3. Un panno nero alla finestra.



Si alzi uno e lo dica: che non va bene ammazzare i bambini. Uno a caso. Siamo lì tutti presi a dare un senso alla nostra vita e fatichiamo a trovarlo. Che ci sia un senso nel dire questo? Credo di sì. Non ammazziamo i bambini. Non le loro madri. E i padri? Ammazzabili, questi?

A Gaza non è guerra. La parola è entrata in circolo, come una botta di eroina dentro un reticolo di vene e arterie ammalate. Marce. Non è guerra: è soltanto un esercizio. Meglio: un atto di obbedienza alla versione ufficializzabile e ufficializzata del mondo. Da una parte e dall'altra, voglio essere chiaro. Le statistiche sono fluide e aperte all'imprevedibile: si adeguano. Oggi tanto, domani tanto. Finora, tuttavia, parlano un linguagguo chiaro. L'invito è a consultarle. Non per assolvere o condannare. Per resistere. Sì. C'è, nelle statistiche, l'aria rarefatta delle alture: sono trasparenti. Abbiamo, tutti quanti, un potere enorme. Quello, perlomeno, di dire che non ci stiamo. Dirlo significa scriverlo, anche questo. O urlarlo. O metterlo alla finestra: con un panno nero, ad esempio. Ecco: mettiamo un piccolo e modesto panno nero alla finestra. Lo veda qualcuno. Lo veda chi decide e ha la possibilità di rilasciare dichiarazioni ufficiali. Mettiamo, alla finestra, un piccolo segno di lutto. Lo troviamo il tempo? Ho chiesto che venga esposto, a una finestra del mio studio.

E: cosa possiamo fare d'altro? Qualcuno, oggi, me lo chiedeva. Nulla. Basta un segno.

Un segno è anche una parola.

Mahmoud Darwish e Paul Celan. Da leggere. Difficili, due ossi duri. Poeti.

O kristo, grossi, adesso ci vieni a parlare di poeti?

Un poeta musulmano e un poeta ebreo. Non, però, di quelli che vanno di moda, quelli che finiscono sui giornali e in TV, che strombazzano la celebrazione di sé e basta. Loro due, loro due soltanto. Veri negli abissi che esplorano e nei quali, credete, si incontrano.

Non li troverete nelle librerie che sbadigliano (sbadigliano quasi tutte: entri e ti addormenti), ma potrete sempre chiedere. Chiedere che finiscano, in questi giorni, nelle vetrine. È un atto di resistenza. Non contro la guerra, la guerra è un'altra cosa, questa che vediamo è una vigliaccata: resistenza contro l'idea, invece, che essendo lontani siamo disposti ad accettare qualsiasi speculazione, per quanto sprovveduta e cinica, messa a punto sulla pelle degli altri. Quali essi siano. Da quale parte essi stiano. E sono sempre le donne. E i bambini. E i loro papà. Finora pezzenti e urlanti, con i sandali ai piedi e la faccia non sbarbata. Pieni di sabbia e polvere. A malapena esseri umani. Questo vogliono farci credere, le immagini. Che siano così. In grado, per natura e per nascita, di sopportare il lutto. Nemmeno di provarlo. Fanno figli e li sotterrano. Li mettono al mondo liberi. Liberi di morire. E basta.

Un panno nero, cosa vuoi che sia? Un pezzo di stoffa. Per resistere. Per ricordare i morti di Gaza. E per dire, in modo chiaro, ma chiaro sul serio, che questi morti non troveranno pace in compagnia dei morti dell'altra parte. Quelli che, se il calcolo continua a produrre cifre, ci saranno di sicuro. E che vanno evitati. Leggere Mahmoud Darwish e Paul Celan. Alla ricerca – tanto è estate e c'è tempo – delle profondità della parola e della vita da cui origina, io credo, il pensiero che fa da bussola al nostro desiderio di resistenza.  

9 commenti:

  1. Franca Laffranchi12 luglio 2014 21:05

    Dal Gambarogno un panno nero per dar voce al popolo Palestinese.
    La Palestina e trucidata e saranno sempre i Palestinesi a morire,BAMBINI;DONNE UOMINI
    Non muoiono gli israeliani,perche l esercito israeliano e il quarto esercito piu armato del mondo grazie ai governi occidentali

    RispondiElimina
  2. Si è un'idea, ma sono sempre le stesse persone che si accorgono di questi drammi....e di questo in particolare. Fa ancora più male sapere con non cambierà niente....

    RispondiElimina
  3. Buona idea. Ma chi si accorgerà? sempre le stesse persone che già sono sensibili a queste situazioni assurde. Comunque si può fare......meglio di niente......
    E poi finché si prova ancora rabbia e uno sconvolgimento interno vuol dire che con-partecipiamo e non è male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "pensiero resistente" è il solo, credo, capace di identificare le manipolazioni da una parte come dall'altra, i torti e le ragioni, i limiti delle ragioni e le prevaricazioni dei torti. Servirebbe un libro per spiegarlo. Il pensiero "che resiste" è il più vicino alla sorte della popolazione, delle popolazioni, della gente, di chi, cioè, individualmente, è esposto alla manipolazione, al furto della libertà di giudizio, alla disperazione, alla morte. La tela di fondo, di tutto questo terrificante macello, è chiara e indiscutibile, anche se discussa, e quanto a torto, questa volta sì. Credo, sempre più fortemente, e a furia di vederne, nella forza del pensiero: che disarmato travolge divisioni blindate. A costo di sembrare lo sfigato di turno, lo dico pure: credo nella resistenza pacifica. Le armi aggiungono alla causa un elemento che con la causa non c'entra. È l'elemento umano: l'elemento dell'essere umano che a un certo punto ci trova gusto. Gusto a farsi la guerra. Siamo fatti così. L'ho scritto più di una volta. Lo riscrivo

      Elimina
    2. Si ....è il DNA dell'essere umano.
      Credo nelle opinioni e nelle persone, non nel nome e cognome.

      Elimina
    3. Da un punto di vista filosofico è comprensibile, o anche letterario. Tuttavia, Faccia da Reporter fa la cronaca e fa i nomi. Anche dei suoi (apprezzatissimi) lettori). L'invito, cortese, che ti rivolgiamo, è a fare anche il tuo in un approssima occasione. Ciao.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio commento è stato eliminato a causa di errori di battuta e sostituito da uno corretto ma uguale in tutto e per tutto nel contenuto. Come sempre, i commenti dei lettori rispecchiano unicamente l'opinione dei loro autori. L'invito è a farsi avanti con nome e cognome. Grazie.

      Elimina
  5. lo dico da anni quello che proponi è un gesto visibile e si dovrebbe farlo d'intorno all mondo !

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.